INAUGURAZIONE DEL MUSEO DELLA CIVILTA’ CONTADINA A LUCITO

400
INAUGURAZIONE DEL MUSEO DELLA CIVILTA’ CONTADINA A LUCITO

Un pomeriggio all’insegna dell’arte legata al territorio e alle tradizioni contadine del Molise racchiuse in un museo, è quello si è vissuto ieri a Lucito.
In uno scorcio particolare e autentico del piccolo borgo molisano, per l’inaugurazione del prezioso museo sono intervenute le massime autorità regionali e locali per il taglio del nastroInaugurazione museo e la presentazione del progetto. Il titolare dell’iniziativa, il giovanissimo Christian Agricola, ha illustrato il progetto, finanziato con fondi europei del PSR 2007/ 2013- “Sviluppo e rinnovamento dei villaggi”, rappresentando la sua soddisfazione per aver portato a compimento un’opera così importante e che dà valore alle nostre tradizioni, compiendo un’opera di recupero e conservazione di oggetti legati alle nostre origini rurali, ma pressoché sconosciute alle nuove generazioni. La peculiarità dell’iniziativa risiede anche nell’inserimento della struttura nel circuito dell’Associazione Nazionale dei Piccoli Musei, rappresentata per l’occasione da un esponente della Regione Puglia.
Massima soddisfazione per l’iniziativa è stata espressa dal Sindaco del Comune di Lucito, Fabiola De Marinis, che ha sottolineato come la caparbietà e la voglia di fare di un giovane intraprendente come Christian Agricola, abbiano portato ad un successo così importante per il Molise e per il paese in cui il museo ha sede, auspicando che anche altri giovani della nostra regione possano cogliere simili occasioni per costruire il proprio futuro, mantenendo salde le radici sul territorio di origine.MUSEO LUCITO
Tra gli intervenuti il Presidente della Regione Molise Paolo Di Laura Frattura che ha rinnovato l’impegno della Regione nel sostenere tali interventi nell’ottica di dare slancio al territorio e favorire iniziative di così alto valore. Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento dell’Assessore Vittorino Facciolla, che ha espresso il suo apprezzamento per il progetto, sapientemente illustrato, nella parte relativa all’allestimento del museo dalla Dott.ssa Ilaria Di Cillo, che si è occupata della catalogazione degli oltre 750 pezzi presenti nella struttura.
Un ulteriore messaggio di incoraggiamento ad operare per il territorio e per una buona gestione delle risorse disponibili in tal senso è stato portato dal Direttore del Gal Molise Verso il 2000, Antonio Di Lallo.
Successivamente ai vari interventi si è proceduto al taglio del nastro e alla visita delle strutture ospitanti il museo, molto apprezzato dalle tante persone presenti all’inaugurazione, alcune provenienti anche da fuori regione, curiose di scoprire come gli oggetti delle proprie origini siano divenuti pezzi da museo.