Mai più bullismo, il social coach di Rai Due con Pablo Trincia

Mercoledì si chiude il ciclo di quattro puntate del programma di Rai Due che combatte il fenomeno del bullismo senza colpevolizzare ma cercando dialogo e condivisione

1086
bullismo

Ci sono due modi diversi per guardare Mai più bullismo, il programma condotto dall’ex iena Pablo Trincia e prodotto da Rai Due e da Verve Media Company in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Il primo è riflettere su quello che è ancora un grave problema irrisolto della nostra società, il bullismo, appunto, e le diverse forme che questo fenomeno assume e le varie sfaccettature che lo compongono. Imparare a cogliere tutta quella serie di comportamenti e atteggiamenti, molto diffusi nelle scuole italiane, che travolgono tantissimi ragazzi, gesti e parole spesso confusi con il comune vivere dei giovani e quindi sottovalutati ma che invece portano sofferenza e disagio a chi ne è vittima. Il secondo modo di approcciarsi al primo social coach televisivo sul tema, versione italiana del format internazionale The bully project, è quello di ricavarne il coraggio e apprezzarne la sensibilità nella narrazione e nell’indagine. La difficoltà di recuperare e raccontare in televisione storie così delicate è ben visibile nel riuscito programma di Rai Due. L’obiettivo non è solo accendere i riflettori su un tema così lacerante come quello del bullismo nelle scuole, ma quello di proporre strumenti e soluzioni, non cercare colpevoli ma sfruttare il dialogo come mezzo di risoluzione delle dinamiche sbagliate. L’inclusione e il confronto contrapposti all’esclusione e all’emarginazione. Lo scopo sociale è quello di riportare gli ambienti viziati alla normalità utilizzando il mezzo televisivo e le competenze specifiche: tutte le storie raccontate sono state seguite dalla Dr.ssa Maura Manca, presidente dell’Osservatorio nazionale adolescenza, e sono state documentate grazie all’utilizzo di micro-telecamere installate negli zaini delle vittime per filmare i maltrattamenti. Mai più bullismo è un programma itinerante, senza parti in studio, che dimostra che fare della buona televisione, con tutti i limiti che la complessità della materia trattata impone, è possibile. L’ultima puntata di questo ciclo andrà in onda mercoledì 14 dicembre alle 23 e 15 e sarà ambientata a Palermo, racconterà la vicenda di Giorgia e anche il suo incontro con Mates, il suo youtuber preferito. Nelle puntate precedenti, disponibili su RaiPlay ,le telecamere Rai hanno seguito le giornate di Giorgia da Varese, Dania da Nocera Inferiore e Pietro da Palagiano. Anche loro hanno avuto la fortuna di conoscere i propri idoli: Emma Marrone, Emis Killa e il campione di tiro con l’arco Sergio Pagni.

Una strada nuova per affrontare la problematica e provare a portare serenità nei contesti interessati. Come? Rendendo consapevoli di sé e delle proprie capacità di venirne fuori i ragazzi vittime e disinnescando le motivazioni dei bulli. Affinché davvero presto si possa dire: Mai più bullismo.

#maipiùbullismo Contatti: 393.81.29.359maipiubullismo@rai.it