Problemi di coppia, è giusto andare in terapia?

Oggi giorno, per varie ragioni, è facile che si creino tensioni in famiglia e nella coppia. La situazione diventa più difficile da gestire quando c’è la presenza di figli.

377
Problemi di coppia, è giusto andare in terapia?

In ogni coppia sono presenti delle difficoltà. Alcune volte sono meno gravose e si riescono a superare in modo autonomo, altre volte si fanno più ostiche e le risorse e le potenzialità personali e della coppia non bastano per far si che vengano superate, ma richiedono un intervento terapeutico. Di solito i problemi di coppia si evidenziano di fronte ad un cambiamento che può presentarsi all’inizio della loro unione, dopo la nascita dei figli oppure quando i figli diventano adolescenti. Sono situazioni che si incagliano quando un avvenimento imprevisto scuote fortemente quello che sembrava un tranquillo procedere nella vita. La terapia di coppia sistemico-relazionale è  un ottimo intervento per le difficoltà della coppia e della famiglia poiché consente di far fronte, in un contesto protetto e sotto la guida del terapeuta, alle problematicità che la riguardano in modo efficace e risolvere la situazione di disagio ritrovando una condizione di  benessere per la coppia o la famiglia che sia e per ogni persona singolarmente. Se i contrasti hanno portato i coniugi alla decisione della separazione, rivolgersi ad un terapeuta di coppia è di aiuto per far fronte alle difficoltà ad essa connesse, a trovare un modo per renderla meno dolorosa e priva di strascichi negativi, a gestire il rapporto con i figli, quando ve ne siano, nonché a condividere e gestire la genitorialità tra gli ex coniugi in modo valido e coerente. Separazioni mal gestite, nelle quali la rabbia verso chi è ritenuto responsabile del naufragio coniugale non è stata elaborata e i reciproci apporti ad esso non chiariti, conducono ad un perdurare del malessere tra e nei  coniugi anche dopo la rottura. Difficilmente in questo genere di situazioni i partner riescono a riprendere in mano serenamente la propria vita, gestendo le ostilità. Ancora più grave è la presenza dei figli che in questo modo pagano il prezzo della situazione.