Residence geriatrico di Pietracupa, quando clima umano e fisico allungano la vita

235

Sin dal primo impatto il Centro geriatrico di Pietracupa appare come una grande casa con la porta aperta. E da quella porta passano un sacco di persone: chi entra, chi esce, chi si ferma sulla soglia a chiacchierare… C’è grande vitalità al Residence Punta Paradiso e la sensazione è piacevole: sorriso facile, semplicità negli atteggiamenti, contatti genuini. Mi fermo a parlare un po’ con la direttrice, Sonia Colella, che in questo lavoro getta tutte le sue energie e la sua competenza acquisita per un lungo periodo fuori regione. E mentre parliamo arriva la farmacista a portare qualche medicina, poi si ferma il panettiere che ha appena lasciato in cucina il carico. Riprendiamo a parlare e ci raggiunge il parroco, giovane, dinamico: è venuto a trovare i suoi nonni e a salutare in direzione, dove la porta, anche quella, è aperta… Nessun fastidio per noi per le continue interruzioni, piuttosto un piacere: sto respirando il clima del luogo, molto più eloquente di qualsiasi spiegazione.

madonna fatima tuttiAnche se l’ampia struttura non è al centro del paese è davvero difficile sentirsi isolati a Punta Paradiso, residenza per persone anziane o non autosufficienti che, inaugurata nel 2012, oggi conta 43 ospiti. Le camere, collocate su due piani per una capienza totale di 80 persone, sono 44. Ogni attività ha i suoi spazi, dal salone in cui si concentrano i momenti ricreativi liberi o organizzati alle stanze sanitarie o destinate ai vari servizi che vengono offerti: ci sono 2 sale relax, la sala da pranzo, un salottino tv 1 ,salottino tv zona notte 2,suite 1, cucina 1 per ospiti 1 per operato in zona notte, e due cucine, una per gli ospiti e una per gli operatori.

antonio torta ridL’attenzione è rivolta all’anziano come persona e come persona fragile, bisognosa di cure non solo fisiche ma anche di sostegno psicologico. Spesso la solitudine interiore è molto più pesante da sopportare di qualsiasi problema di salute. E se per l’assistenza sanitaria ci sono personale interno e specialisti di fiducia così come dettano le norme, per le ferite dell’anima nel team ci sono persone attente e preparate, oltre a tutte le iniziative che il team di operatori mette in campo ogni giorno.

I momenti di festa o di convivialità infatti sono frequenti; ogni occasione è buona per ridere un po’, per fare un po’ di chiasso, per divertirsi e per vedere gente che arriva da fuori. Il morale dell’anziano determina la sua capacità di reazione di fronte alla malattia e agli acciacchi che giorno dopo giorno si moltiplicano. Non a caso grazie ad una convenzione con l’ Associazione di Clownterapia Paciok Onlus, finalizzata alla terapia del sorriso e al benessere della persona, ogni tanto fa capolino un gruppo di simpatici personaggi col naso rosso capitanato da Fulvio Fusco. Questi volontari a Punta Paradiso sono di casa, animano con delicatezza ed ilarità molti momenti ricreativi e contribuiscono a mantenere alto il livello di positività che si sente nell’aria.

giovannina 104 staffL’ambiente umano è fondamentale per la persona, soprattutto se fragile. Ma altrettanto importante è l’ambiente naturale, che a Punta Paradiso è di alto livello. L’aria sottile e pulita e la presenza di un borgo tranquillo immerso nelle alte colline del Molise nel quale poter portare un anziano a fare una passeggiata hanno un valore inestimabile per la qualità della vita ad una certa età. Qualità ma non solo: sono proprio i parametri ambientali, probabilmente, ad aver assicurato a Pietracupa una elevatissima percentuale di centenari. Solo il mese scorso l’ultima festa di compleanno per Giovanna che ha toccato quota 104. Un dato che ha attirato anche l’attenzione di Atenei  che hanno avviato ricerche di carattere scientifico.