Scrittura creativa, cineforum e orto a distanza tra mezzi digitali e videochiamate, Accaparlante non si ferma

accaparlante

Non sarà di certo il coronavirus a fermare la creatività e la progettualità della cooperativa Accaparlante di Bologna, di cui ci dà testimonianza un articolo del Redattore Sociale, segnalatoci da un’amica molisana, Emanuela Marasca, che da tanti anni opera all’interno della realtà cooperativa bolognese che fornisce assistenza educativa ed è ora impegnata nel progetto “Calamaio”

Un progetto che, riadattandosi alle nuove modalità di lavoro imposte dai decreti del Presidente del Consiglio per il contenimento del Coronavirus, sta sperimentando forme di lavoro e di collaborazione a distanza per non fermare il lavoro fin lì fatto e dare continuità a idee e progetti dimostrandone la versatilità e attuabilità anche attraverso lo smart working e le video chiamate, mai come ora diventate indispensabili per sentirsi meno soli e realizzare lavori di gruppo. Le attività che si stanno realizzando con il progetto Calamaio comprendono corsi di scrittura creativa, cineforum, dance challenge, ma anche esperienze di orto a distanza, in cui l’esperienza a diretto contatto con la terra e con i sensi insegna a prendersi cura di sé a 360°. Vista la particolarità e difficoltà del momento non mancano attività di sostegno psicologico rivolti non solo agli utenti ma anche alle loro famiglie.

L’obiettivo è non mettere in quarantena la disabilità, ma approfittare di questi momenti per sviluppare capacità e competenze innovative e trasversali e soprattutto condurre anche una battaglia per una accesso omogeneo alle nuove tecnologie e alle possibilità ad esse connesse, dal momento che ad oggi non tutti gli utenti della cooperativa possono partecipare alle attività a distanza non disponendo degli appositi dispositivi.

Grazie ad Emanuela Marasca da Lucito che ci ha segnalato questa bella realtà e a lei, come a tutti i molisani lontani, va un grande saluto da tutta la redazione del Colibrì Magazine.

Foto di copertina tratta da Redattore Sociale.