Termoli, in “Un mondo a colori” spazio a social e rete sicuri

431
Termoli, in “Un mondo a colori” spazio a social e rete sicuri

Conoscete il progetto “Vita da social”? Si tratta di un progetto portato avanti dalla Polizia Postale nelle scuole italiane e indirizzato in particolare ai giovani per informarli e sensibilizzarli su un uso corretto della rete e dei Sociali network ormai alla portata anche di bambini molto piccoli, ignari molto spesso dei rischi che si nascono dietro ad un semplice clic. Da questo progetto nasce anche l’idea del Centro Socio- Educativo “Un mondo a colori” di Termoli, presente in Via Asia e gestito dalla Cooperativa sociale Sirio, che per il giorno 25 ottobre alle ore 16 ha deciso di organizzare un incontro formativo e informativo rivolto ai giovani ospiti della struttura e alle loro famiglie per offrire loro conoscenze e consigli sulle tematiche della navigazione in rete e del fenomeno sempre più frequente del cyberbullismo. A parlare saranno rappresentanti della Polizia Postale e delle Comunicazioni, che hanno accettato di offrire la loro consulenza sul tema anche al di fuori delle scuole, luogo per eccellenza, ma non esclusivo, deputato all’educazione e alla formazione delle nuove generazioni. E così l’incontro voluto dagli operatori del centro sarà un’occasione anche per le famiglie di aprirsi al mondo dei social e del web in maniera più consapevole, in modo da evitare che i propri figli cadano preda di bullismo, abusi e violazioni della privacy.
Il centro “Un mondo a colori”, che ospita bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni, che vivono situazioni di disagio o di pregiudizio che possono configurare un rischio evolutivo, é sempre attento a creare situazioni di confronto con il mondo esterno e a coinvolgere i suoi utenti in attività formative. Aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì nell’orario 14:30-18:30, nel centro sono presenti diverse figure professionali come educatori, psicologi, pedagogisti e animatori che in team portano avanti le attività della struttura in cui, accanto al supporto scolastico che viene garantito giornalmente, si realizzano anche attività ludico- ricreative, laboratori e non mancano mai momenti di confronto anche su fatti di attualità e di cronaca locale, agendo sempre attraverso la metodologia del coinvolgimento e del sostegno alla cittadinanza attiva.