VECCHIE STAZIONI IN DISUSO: 1.700 DISPONIBILI PER FINALITÀ SOCIALI

166

Ferrovie dello Stato Italiane informa che in questi anni è impegnata in un profondo sforzo di riorganizzazione e riqualificazione del patrimonio immobiliare inutilizzato. Si tratta di linee ferroviarie dismesse e stazioni “impresenziate”.
Queste ultime sono gestite a distanza mediante dispositivi informatici, rimanendo costantemente esposte a rischi di azioni vandaliche.
Attualmente sono circa 1.700 le stazioni impresenziate della Rete Ferroviaria Italiana, che il Gruppo FS Italiane sta concedendo tramite contratti di comodato d’uso gratuito alle associazioni e ai comuni, affinché siano avviati progetti sociali che abbiano ricadute positive sul territorio e per la qualità dei servizi offerti nelle stesse stazioni.
Di queste, circa 345 stazioni, corrispondenti ad una superficie di oltre 63.683 mq, già sono state assegnate.
E’ stato inoltre avviato un nuovo progetto di riqualificazione per il riuso sociale – ambientale degli spazi, grazie alla sottoscrizione di Protocolli d’Intesa con la Regione Toscana, Legambiente, AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile), CSVnet (Centri di Servizi per il Volontariato) e Legacoop Sociali.
Continua a leggere