AGRICOLTURA, IN MOLISE QUELLA BIODINAMICA

189
Agricoltura

Nel nostro Paese parliamo molto spesso di agricoltura: genuina, biologica, integrata, sostenibile, ecc…
Ultimamente, però, si parla di un altro tipo di agricoltura, di quella “biodinamica”.
Ma sappiamo tutti di cosa si tratta?
L’agricoltura biodinamica è un metodo di coltivazione spirituale-primitivo elaborato dal filosofo/esoterista Rudolf Steiner. Per ciò che riguarda la produzione agricola, il modello di coltivazione è quello ripreso in parte dall’agricoltura biologica, l’unica particolarità è quella di dare maggior importanza al contatto simbiotico in cui suolo e vita umana devono entrare.
Assenza di ogni tipo di innovazione scientifica e tecnologica, utilizzo di letame e distillati omeopatici e attenzione alle fasi lunari sono i principi chiave di questo nuovo, seppur antico, modo di concepire e fare l’agricoltura.
Carlo Triarico, presidente dell’associazione per l’agricoltura biodinamica, in un articolo di Reppubblica, spiega perché è giusto difendere questa maniera di coltivare, affermando che una delle realtà biodinamiche più importanti è quella molisana delle “Fattorie Di Vaira” di Petacciato (CB).
Queste fattorie hanno un’origine molto antica, appartenevano al Cavalier Francesco Di Vaira, grande conoscitore di tecniche agricole d’avanguardia. Le fattorie già nel secolo scorso rappresentavano uno degli esempi di azienda agricola più prestigiosa del sud Italia. Dopo la morte del Cavaliere le fattorie passano al Vescovo di Termoli-Larino che ne detiene l’affidamento fino al 2006.
Si interessano, quindi, all’azienda Di Vaira il gruppo Ecor NaturaSì, l’azienda agricola molisana Valter Desiderio, Banca Popolare Etica, alcuni negozi biologici e altri appassionati soci fondando, nel 2007, l’Opera Società Agricola Biodinamica Di Vaira.
Il terreno da loro occupato è fortunatamente privo di deturpazioni e avvelenamenti chimici prodotti dalla monocoltura ed è per questo che la presenza di una stalla con mucche da latte, 500 ettari di vigneti, un oliveto e coltivazioni miste, fruibili sia per la produzione di cereali che per quella di foraggi, costituiscono l’ambiente ideale per la realizzazione dell’organismo aziendale che prevede la biodinamica.

Per saperne di più