IL PRESEPE MECCANICO DAL MOLISE A PISCINA

233
IL PRESEPE MECCANICO DAL MOLISE A PISCINA

Un altro esempio di “molisanità” fuori dal Molise. E’ quindi oggi un bell’esempio di integrazione di tradizione e di cultura tra gente che si sente italiana.
Il Presepe meccanico di Piscina si trova nei locali vicini alla Parrocchia, dove è stato collocato nell’anno 2000 per volontà del parroco Don Giuseppe Pronello, che ha esaudito una richiesta dei fedeli che desideravano ritrovare una tradizione di lunga data.
La sistemazione del Presepe con la realizzazione di nuovi ampliamenti e l’integrazione delle scenografie dell’originale opera è stata curata dai cugini Claudio e Antonio Panino (figli dei primi costruttori) con l’aiuto e la collaborazione di un gruppo di amici del luogo.
Questo manufatto ha una lunga storia, che giustifica l’affetto dei piscinesi. Il nucleo originario del Presepe, infatti, è stato costruito da Antonio Panino (zio dell’omonimo pittore piscinese), proveniente dall’alto Molise e trasferitosi a Piscina nel periodo in cui molta è stata la migrazione dal centro e sud Italia. Antonio Panino in questo trasferimento ha portato con sé la tradizione, molto sentita nel Molise, per il Presepe, e nel tempo, presentandolo annualmente ai piscinesi nella sua casa e successivamente negli spazi comunali, aggiungeva elementi locali come arti, mestieri e paesaggi dell’area pinerolese, così come i fondali raffiguranti la cerchia montuosa del panorama piscinese. In questo modo, poco per volta, la tradizione molisana si è fusa con quella piemontese, diventando un retaggio anche dei piscinesi.

Il comunicato