La ciurma rosa di Vasto stupisce, si diverte e brinda all’amicizia

Grinta e tanta voglia di stare insieme per la squadra femminile vastese protagonista delle regate in Adriatico

1580
La ciurma rosa di Vasto stupisce, si diverte e brinda all’amicizia

Tutto ha avuto inizio per caso, per gioco, per la voglia di fare movimento, per intraprendere un’attività nuova, fare qualcosa di diverso… L’idea è partita da una di loro che ha chiamato un paio di amiche, poi è arrivata la conoscente, quindi l’amica dell’amica e, non sanno neanche loro come, è nato un gruppo di donne compatto e convinto: la Ciurma Rosa, ossia la squadra femminile dell’associazione remiera La Ciurma di Vasto.

VastoSono Gabriella D’Angelo, Paola Cherchi, Maddalena Di Lizio, Teresa Colantuono, Vittoria Di Palma, Simona Pasquale, Cinzia Serafini, Fabrizia Della Penna e Tiziana Dicembre. Età media sulla quarantina, quasi tutte con famiglia, lavoro e tutti gli impegni che riempiono la vita delle donne. Le incontro al mercatino di San Salvo,dove Maddalena insieme al marito gestisce un banco di prodotti tipici locali, formaggi e salumi che ha affettato e messo al centro del tavolo per un apericena gourmet tutto genuino.

Come genuino è il rapporto tra di loro, che vedono nelle regate l’occasione per stare insieme prima che la competizione. Anche se i risultati sono tutt’altro che trascurabili, vista la giovane età del team. E’ questo, infatti, il loro secondo anno di attività e si sono già conquistate un prestigioso terzo posto alla tappa di Molfetta del Trofeo dell’Adriatico e un altrettanto prezioso terzo gradino del podio a Vasto a fine luglio.

Con l’arrivo della bella stagione scaldano i muscoli e soprattutto mettono a mille l’entusiasmo, perché inizia una nuova avventura fatta di impegno, di passione e di voglia di vincere, ma anche di viaggi, nuove scoperte e feste con le famiglie che ormai costituiscono i loro principali sostenitori al seguito anche nelle trasferte. A stare con loro si percepisce grande grinta e positività, segno che lo sport è decisamente molto di più che semplice movimento: è piacere, è un insieme di valori che esperienze come questa riescono a conservare e trasmettere.Vasto 2

Concludiamo l’aperitivo con un bel brindisi all’amicizia, il collante ed il motore di questa bella, soddisfacente ed inaspettata avventura.