LUIGI D’OVIDIO, DA TRIVENTO AL SUDAFRICA CON MANDELA

218
LUIGI D’OVIDIO, DA TRIVENTO AL SUDAFRICA CON MANDELA

Il Comune di Trivento, nella giornata di sabato 24 ottobre, ha promosso un’iniziativa tesa a rendere omaggio a Luigi D’Ovidio, nato a Trivento ed emigrato in Sudafrica per raggiungere il padre nel 1956. A Johannesburg D’Ovidio ha trascorso gran parte della sua vita, riuscendo, a partire dalle sue abilità meccaniche, a collaborare con un team di Formula Uno e a metter su un’officina per marchi italiani di alta gamma, fino alla collaborazione con Iveco, Lamborghini e il settore del trasporto in generale, facendo campeggiare la scritta “Trivento” a caratteri cubitali. Ma D’Ovidio, oltre che per il meritato successo imprenditoriale, si è distinto, all’interno della comunità sudafricana, per la generosità dimostrata finanziando orfanotrofi locali e soprattutto per il grande sostegno che ha personalmente offerto alla lotta contro l’Apartheid promossa da Nelson Mandela. Luigi D’Ovidio divenne addirittura un riferimento per il governo sudafricano che in una nota inviata nel 1985 all’allora Ministro degli Esteri Giulio Andreotti lo cita come persona di riferimento. Di recente, nel 2010, l’illustre triventino, che nel tempo non ha mai dimenticato le sue origini molisane, ha ricevuto anche l’Onorificenza di Cavaliere della Repubblica Italiana, dal Presidente Giorgio Napolitano e che D’Ovidio ha inteso offrire in dono al Comune di Trivento, proprio in occasione di questo evento celebrativo della sua figura, a cui hanno preso parte le autorità locali e regionali.
Per saperne di più