Martina Iacampo vince il Campionato Italiano di Slalom femminile

272
Martina Iacampo vince il Campionato Italiano di Slalom femminile

Per la seconda volta in sei anni Martina Iacampo vince il Campionato Italiano Slalom sezione femminile.
La driver della Molise Racing si aggiudica il terzo titolo stagionale consecutivo.
Dopo la vittoria del Central European Zone-Campionato Europeo di specialità dello scorso giugno e la vittoria del Campionato Interregionale Molise Campania di Slalom in classe A 1.6 di fine settembre, domenica 9 ottobre, nell’ultima gara di Campionato Italiano, il 15° Slalom Monte Condrò-Serrastretta (Ct) Martina firma con il miglior tempo del femminile ed il secondo tempo assoluto della sua classe A 106 il secondo titolo iridato.
Sale sul gradino più alto del podio lasciando soltanto il secondo posto a Emilia Covello su N.1.600. Terza classificata del femminile Jessica Tommaselli su fiat 600 E1ITA. Chiude l’assoluta al posto numero 55 su 93 concorrenti.
Ancora una volta tanti chilometri per la driver campobassana, in trasferta questa volta in Calabria, scortata dal fedele Team Trodella di Avellino, che con il suo impeccabile staff meccanico segue la sua 106 dagli inizi di giugno.
“Di sicuro di quest’anno mi resterà nel cuore l’esperienza del Campionato Interregionale Molise-Campania. Ho avuto modo di conoscere delle persone squisite, sia della categoria slalom che in quella della regolarità turistica. Condividere quasi tutte le gare con mio fratello Giacomo inoltre, iscritto con la sua ragazza al campionato Regolarizzati, è stato un valore aggiunto. Ho ereditato la passione per lo slalom in casa ma Giacomo evidentemente ha doti che ignorava nella regolarità! Il suo quarto posto nella classifica assoluta alla fine delle 5 gare ne è la conferma. Nel 2016 ho avuto modo di correre molto, questo sicuramente grazie al mio sponsor “Acqua Molisia” della famiglia Di Iorio, che ha premuto per avere l’esclusiva sponsorizzazione della mia auto per tutta la stagione. La prima e l’ultima gara, Campobasso e Catanzaro, sono state le uniche due pecche della stagione per la quale tutto sommato faccio un bilancio più che positivo: nella gara di casa infatti la vettura non è stata dalla mia parte! Vettura scelta fortunatamente solo per quella data, che ha manifestato fin dal principio una serie di problematiche tecniche fino ad abbandonarmi poi, prima di subito, con la rottura del cambio alla partenza della seconda salita di gara. Catanzaro infine, una prova speciale troppo corta, forse la più corta dell’Italiano. Auspico nella la Federazione, sperando nella riformulazione geografica per il prossimo calendario sportivo delle tappe, per me troppo al nord o estremamente al sud: studiando ancora è stata dura rubare tanto tempo alla mia specializzazione. Ringrazio comunque con tutta me stessa chi mi ha accompagnata in questa avventura e chi ha creduto in me”.