RIPALIMOSANI, CORSA DEI CAVALLI ALLO START

330
RIPALIMOSANI, CORSA DEI CAVALLI ALLO START

Parte oggi la grande festa della Madonna della Neve a Ripalimosani, la più sentita dell’anno caratterizzata, nella giornata di domani, dalla storica corsa dei cavalli, più recentemente ribattezzata Palio delle Quercigliole.
Quest’anno la festa dura cinque giorni anziché tre: la tradizione vuole infatti che ogni cinque anni si celebri anche l’Assunta con una particolare processione che si tiene il 15 agosto. In questa occasione sfilano in corteo religioso tutte le statue presenti in tutte le chiese del paese: anche le più piccole che in genere vengono condotte in processione dalle donne.
La festa inizierà nel pomeriggio di oggi con la Santa Messa alle 17.30 seguita dalla solenne processione che riporterà la statua della Vergine nella cappella delle Quercigliole, fuori paese.
Stasera in chiesa (e non in piazza causa maltempo) si terrà il concerto bandistico della Banda dei Due Mari di Triolo (CZ).
Domani alle Quercigliole dalle 10 la festa popolare che prevede il pic nic sotto il boschetto con stand gastronomici e bancarelle d’ogni genere.
Alle 15 l’attesa corsa equina: le batterie partiranno dal tratturo e giungeranno alla cima della collinetta, dove si trova la cappella davanti alla quale si inginocchierà il cavallo vincente. I cavalli, purosangue e mezzosangue, saranno rigorosamente controllati sia prima e sia dopo la corsa, al fine di verificare il rispetto di tutte le norme del caso.
Nell’ultima batteria i fantini indosseranno i colori delle sei contrade di Ripalimosani: Piazza, Castello, San Rocco, Santa Lucia, Morgione e Villaggi, che detiene il titolo del 2014.
In serata la festa si sposterà quindi in paese, dove alle 22 è atteso il concerto di Riccardo Fogli. Sul palco anche la premiazione dei fantini. A mezzanotte i fuochi d’artificio.
Per l’occasione verrà organizzato il servizio d’ordine volto a far defluire il più possibile il traffico dei veicoli e a garantire la fruibilità degli spazi insieme alla sicurezza dei pedoni.

LOCANDINA