SAN SALVO PER IL 4 NOVEMBRE

122
SAN SALVO PER IL 4 NOVEMBRE

Mercoledì 4 novembre 2015, si terrà a San Salvo la cerimonia dedicata all’Unità Nazionale, alle Forze Armate e alla commemorazione dei Caduti di tutte le guerre.
Questo il programma predisposto dall’Amministrazione comunale:
– ore 10.00, raduno dei partecipanti in corso Umberto I e concerto del Complesso Bandistico Città di San Salvo;
– ore 10.30, messa in suffragio dei Caduti nella chiesa di San Giuseppe;
– ore 11.20, benedizione, deposizione della corona di alloro e alzabandiera presso il Monumento ai Caduti. Seguiranno gli interventi degli studenti dell’Istituto Comprensivo n. 2, dell’Istituto Comprensivo n. 1, dell’I.I.S. Raffaele Mattioli, del presidente dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, Filippo Di Guilmi, e del sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca. «Abbiamo il dovere della memoria che assume nell’anno del centenario dell’entrata in guerra dell’Italia – dice il sindaco di San Salvo – un valore ancor più forte nel ricordo delle sofferenze patite, degli atti di eroismo di chi combatté non solo per l’unità territoriale nazionale». Ricorre quest’anno il centenario dell’entrata dell’Italia nel I conflitto mondiale (1915/2015) e la riflessione non può che andare a quella guerra, che avrebbe completato l’unificazione nazionale a prezzo di grandi sacrifici e, soprattutto, di molte vite umane. Perciò intendiamo ricordare in modo particolare quest’anno i 33 caduti di San Salvo del 1915-18, che furono: Virgilio Artese, Antonio Belfiglio, Carmine Belfiglio, Nicola Checchia, Vincenzo Ciavatta, Nicola Cilli, Pasquale Cilli, Virgilio Cilli, Nicola De Dominicis, Antonio De Filippis, Giovanni Del Nero, Sebastiano De Nicolis, Carmine Di Casoli, Carmine Di Stefano, Domenico Di Iorio, Pietro Cimini, Vitale Cimini, Vitale Di Pierro, Nicola Fabrizio, Vitale Fabrizio, Luigi Giannini, Tommaso Iezzi, Vitale Ialacci, Vito Ialacci, Orlando Marzocchetti, Angelo Napolitano, Vitale Napolitano, Vito Napolitano, Antonio Reale, Bartolomeo Sulpizio, Felice Tomeo, Nicola Torino e Vitale Torricella.