UN’ORSA A SPASSO FUORI DAL PARCO, I RISULTATI

194
UN’ORSA A SPASSO FUORI DAL PARCO, I RISULTATI

Lasciare libero un esemplare d’orso anche al di fuori dei confini del Parco protetto per osservare comportamenti, abitudini in relazione alle condizioni del territorio e dell’ambiente. E’ l’esperimento condotto nelle aree interne dei parchi dell’Italia centrale, i cui risultati vengono presentati in questi giorni al Congresso Nazionale di Teriologia di Acquapendente (VT).
Si tratta di un “lavoro di monitoraggio di una femmina di orso munita di collare GPS e seguita congiuntamente dai tecnici del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (PNALM), del Parco Nazionale della Majella e della Riserva Naturale Regionale Monte Genzana Alto Gizio – leggiamo sul sito PNALM – i risultati sono particolarmente importanti per la conservazione dell’orso bruno marsicano poiché si tratta del primo individuo, per di più femmina, monitorato tramite telemetria al di fuori del PNALM”.
Un lavoro condotto con un obiettivo ben chiaro: la conservazione dell’orso bruno marsicano deve essere il frutto di una strategia di collaborazione, unica e condivisa.

La scheda dei risultati