Fca Fiat di Termoli, dalla storia alle nuove prospettive per i giovani

Lo stabilimento termolese viene inaugurato nel 1972 e negli anni produce oltre venti milioni di motori e oltre tredici milioni di cambi. Negli ultimi tempi è fonte di lavoro per molti giovani molisani e non

1174
fiat termoli

La Fca Fiat di Termoli è uno dei nuclei industriali più importanti del Molise, all’interno del quale vengono prodotti motori e cambi per autovetture. Il periodo d’oro per lo stabilimento termolese inizia negli anni ’80 con la produzione del motore FIRE, destinato alla nuova vettura Fiat Uno, che rappresenta uno dei modelli più venduti di sempre. Per rendere migliore la sua produzione viene costruito un nuovo capannone il Termoli 3, inaugurato da Sandro Pertini e Gianni Agnelli. Un momento critico per lo stabilimento è l’anno 2003, a causa dell’alluvione che colpisce Termoli e l’area limitrofa, causando una perdita di 30.000 motori che si ripercuote sull’intero gruppo. Nel 2009 lo stabilimento avvia la produzione del nuovo motore Multiair e dal 2015 costruisce due dei propulsori che equipaggiano l’Alfa Romeo Giulia.

La Fiat di Termoli offre ai propri dipendenti un contesto professionale dinamico, valorizzando i talenti dei lavoratori, incentivando la collaborazione e la condivisione di idee e progetti, oltre che la partecipazione dei dipendenti alla vita aziendale. La Fiat è molto attenta alla formazione dei propri collaboratori. Le azioni formative sono volte a fornire le competenze necessarie affinché i dipendenti svolgano al meglio il proprio ruolo, riuscendo ad affrontare i cambiamenti strategici e organizzativi.

Lo stabilimento Fca Fiat di Termoli è sempre interessato ad incontrare nuovi talenti ed infatti il biennio 2016/17 si mostra vantaggioso per le assunzioni giovanili. Cristian, ventunenne molisano, diplomato nel Luglio 2016 presso l’Istituto Tecnico Industriale, indirizzo elettrotecnico, “G.Marconi” di Campobasso, lavora nello stabilimento FCA Fiat di Termoli dal Dicembre 2016. Cristian ci racconta la sua esperienza in questo anno e mezzo presso lo stabilimento Fiat di Termoli.

Cristian lavori da quasi un anno e mezzo presso la Fiat di Termoli, ma  parliamo di ciò che è accaduto prima. Come mai hai scelto di lavorare alla Fiat?

Mi iscrissi presso un’agenzia del lavoro poco dopo la maturità e in autunno la Fiat mi invitò a presentarmi ai colloqui. Dopo l’esito positivo colsi immediatamente quest’occasione di lavoro poiché è un lavoro inerente ai miei studi superiori e offre un ottima retribuzione per le esigenze che ho.

Di cosa ti occupi all’interno dello stabilimento?

Sono un operatore di macchine cnc (computer numerical control). Oggi sono molto diffuse; sono praticamente impiegate in quasi ogni campo della meccanica.

Hai iniziato a lavorare da giovanissimo. Volevi un anno sabbatico o preferivi lavorare da subito?

No, assolutamente. Volevo lavorare e sono rimasto molto soddisfatto perché è stato uno dei miei primi colloqui di lavoro che, fortunatamente, è andato bene. Ero consapevole dell’ottima occasione che mi venne offerta e non potevo rifiutare, poi sinceramente ero e sono contento.

Nello stabilimento svolgi  turni lavorativi notturni?

Si, i miei turni si svolgono anche di notte. Non è usurante. È solo questione di abitudine. Dopo il turno notturno si ha comunque diritto ad ore di riposo.

Noto con piacere che sei molto entusiasta di questo lavoro. Vorresti continuare a lavorare in Fiat?

Si, certamente. Mi sono ambientato molto bene, è un ambiente favorevole sia dal punto di vista lavorativo, sia dal punto di vista umano.

Ringraziamo Cristian per averci concesso quest’intervista, facendogli i migliori auguri per il suo futuro.