SOS Venezuela: ad Oratino una cena di solidarietà per il paese

Il 26 maggio, ad Oratino, si terrà una cena di solidarietà per devolvere il ricavato alla spedizione di farmaci in Venezuela

54
sos venezuela

Dal 2013 il Venezuela attraversa una crisi economica, istituzionale e sociale. Tra le principali cause si ricorda la crisi finanziaria del 2007-2008, la caduta dei prezzi del petrolio e fattori interni.  A livello internazionale, lo sviluppo di nuove tecnologie estrattive produce un aumento della produzione di petrolio, a cui però non corrisponde un aumento della domanda, così da far crollare il prezzo del greggio. Il Venezuela ha un’inflazione che rasenta tra 400% e 700%, la più alta mai verificatasi nel XXI secolo.

Gli effetti della crisi portano ad una carenza di alimentati e di medicinali, un fenomeno che genera una crisi umanitaria senza precedenti. Questa situazione si verifica per la mancanza di una serie di alimenti di prima necessità come latte, caffè, riso, olio, farina precotta, burro, etc., e generi di prima necessità come la carta igienica e articoli da toeletta.  La crisi colpisce anche la sanità, attraverso la carenza di farmaci. Nel Paese, l’aspettativa di vita diminuisce e le persone affette da malattie quali il cancro, l’epilessia, il diabete, il morbo di Parkinson, l’Alzheimer sono costrette a ripiegare su alternative meno efficaci, oppure a lunghi viaggi in altri Stati, che non sempre sono possibili.

A tal proposito il 26 Maggio, ad Oratino, si terrà una cena di solidarietà. L’evento SOS Venezuela inizierà alle ore 18 con una Santa Messa presso la Chiesa della Madonna i Loreto e alle ore 19 si discuterà, nell’Auditorium, sulla crisi umanitaria in Venezuela. Alle ore 20 ci sarà la cena con i prodotti tipici del Venezuela. Il costo della cena è di € 10 e il ricavato sarà devoluto alla spedizione di medicinali in Venezuela. Dopo la cena la serata ospiterà i Tumbao Tricolor, gruppo Folk Latinoamericano, presso Piazza Rogati.

Articolo a cura di Natascia Testa