Occhio, malocchio, frollotto e bocconotto. Franco Miranda: dalle streghe ai gelati misteriosi

Da Casalciprano a Campobasso i gusti dimenticati di Franco Miranda, che ha unito la passione per la ricerca storica ai piaceri del palato

143
locale dall'alto

Franco MirandaChe gusti vuoi nel gelato? Frollotto settembrino, ostia piena o latte di gallina?

Poteva mai il vulcanico Franco Miranda realizzare una gelateria normale con gusti tradizionali? Assolutamente no. Lo sa bene chi lo conosce, chi ha già scoperto il Museo a cielo aperto della civiltà contadina, la Soffitta dei ricordi e i Murales sulle abitazioni di Casalciprano (CB), il piccolo borgo bifernino che lui adora e che ha guidato come sindaco per ben 25 anni.

Appassionato di storia ha studiato da avvocato, ha fatto il politico e la pagnotta se l’è garantita con il suo lavoro di assicuratore. Ma tutto il tempo libero lo ha speso nelle soffitte e negli archivi, tra la gente anziana e nelle biblioteche a cercare tra i vecchi documenti storie curiose, usi sconosciuti, affascinanti abitudini del quotidiano. Ha raccontato i riti delle streghe e i sudori dei vecchi mestieri, ha organizzato esposizioni, seminari e confronti.gelateria terrazze gusti

Finché la sua passione per tutto ciò che di curioso, di bello e di buono può offrire la vita non lo ha portato tra i profumi delle vecchie cucine paesane, dove le nonne delle nonne operavano con saggezza ed attenzione cibi salutari che ormai non esistono più.

Ma non è vero che non esistono più: lui è andato a scovare semi in disuso, residui di cereali accantonati e preparazioni salate e dolci rimaste tra le vecchie carte delle soffitte o tra i contadini più nostalgici. Ha scoperto il taratufolo (tipo di tartufo), il butirro (burro realizzato in casa), il bocconotto (irresistibile dessert d’epoca) e tanti altri sapori da riscoprire. E li ha riproposti a tavola, nel ristorante che ha realizzato in paese, in un antico e pittoresco palazzo messo a nuovo, i Sapori riflessi della Terrazze Miranda.

torteNon contento, sempre con lo stesso sistema ha recuperato antichi dolci dai nomi strani, come il bianchetto o il bocconotto, creando originali e gustose varietà di gelato artigianale. Sempre seguendo le stesse ricette, ma proprio le stesse, di un tempo.

E da questa estate, non contento delle visite che riceve a Casalciprano soprattutto nei week-end, ha deciso di portare, insieme a Maurizio Petti e i ragazzi che con lui stanno crescendo professionalmente, la Gelateria dei Gusti dimenticati anche a Campobasso, nel lato opposto alla Cattedrale. Come in paese il locale è raffinato, i prodotti sono unici, ricercati, belli e soprattutto buoni perché assolutamente naturali.

Non fermarti Franco, gli amici aspettano curiosi la tua prossima idea!esterno