Piano Nazionale delle demenze, Molise tra le regioni inadempienti

alzheimer

Il Piano Nazionale delle Demenze è un documento di sanità pubblica che affronta il fenomeno delle demenze partendo dal presupposto che si tratta di una patologia che va affrontata con un approccio integrato che coinvolga non solo i malati, ma anche le famiglie, le istituzioni, la sanità e tutti coloro che intervengono nella gestione del fenomeno stesso e definisce strategie e azioni utili a promuovere il miglioramento degli interventi nel settore delle demenze.

Tuttavia, a due anni dalla definizione di tale documento, non tutte le regioni d’Italia hanno provveduto al suo recepimento. Come sottolinea un articolo del Redattore Sociale, ben sei regioni, ovvero Abruzzo, Molise, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Trentino Alto Adige, non hanno ancora recepito il Piano Nazionale.

Notevoli disuguaglianze tra le varie zone del paese si registrano anche rispetto allo stato di implementazione dei Centri per la valutazione, la diagnosi e il trattamento dei disturbi cognitivi e demenze, dei centri diurni e residenziali. Anche rispetto a questo parametro il Molise è in fondo alla classifica, facendo registrare un Centro di valutazione, una residenza e un centro diurno. In testa la Lombardia.

Insomma in molte parti del paese c’è ancora da lavorare molto per arrivare ad un approccio di rete al fenomeno delle demenze che deve partire dal principio che per la demenza c’è sempre qualche via percorribile e non bisogna arrendersi di fronte ad ostacoli e difficoltà.