La street art contro la mafia. Muri Liberi, il progetto per ridisegnare legalità e inclusione

Muri liberi contro la mafia per promuovere i valori della legalità e dell’inclusione. Il progetto – a cura dell’associazione OnOff e del Comune di Canicattì (Ag) – mira ad individuare street artists di tutto il mondo, invitati nella Città di Canicattì (Ag) per una residenza nella primavera 2021.

L’iniziativa si collega alle figure dei giudici Antonino Saetta e Rosario Angelo Livatino, eroi dello Stato assassinati dalla mafia, come esempi di correttezza, coerenza e alto senso del dovere al fine di promuovere i valori di legalità, giustizia e civile convivenza.

Gli artisti, nell’anno in cui  è prevista la beatificazione di Rosario Livatino, dovranno sviluppare nuove tematiche e strumenti di innovazione sociale in grado di formulare una narrazione delle forme diverse di illegalità, esclusione, insicurezza e marginalità nella società contemporanea per combatterle.

Il progetto si svilupperà in modo coordinato e condiviso su una superficie muraria della Palestra Comunale di Via Sandro Pertini, attivando processi di coinvolgimento della comunità. I creator lavoreranno insieme ad un curatore artistico con metodologie partecipative che attiveranno la partecipazione dei cittadini, delle istituzioni e di tutti gli altri portatori di interesse per la costruzione del progetto artistico.

Per partecipare è necessario presentare:

  • curriculum vitae e\o portfolio;
  • patentino lavori in quota (se non lo si possiede autodichiarazione da allegare con disponibilità a prenderlo se selezionato);
  • bozzetto murale;
  • una relazione descrittiva di massimo 3000 caratteri spazi inclusi del bozzetto.

La domanda, allegati inclusi, deve essere inoltrata entro le 12 (ora italiana) del 20 Febbraio 2021.