Al via la Spring School: formarsi per il futuro del mare

Prosegue il percorso innovativo e inclusivo di Smart Adria Blue Growth, programma europeo condiviso da Italia, Albania e Montenegro nell’ambito di Interreg-IPA CBC.

Affrontare le crisi legate al clima e alla biodiversità, passare dal concetto di sfruttamento all’uso sostenibile delle risorse nelle aree marino-costiere, è questo il punto focale del programma. L’intenzione è quella di promuovere azioni per ambire ad avere mari puliti, un uso sostenibile delle loro risorse e una migliore qualità ambientale dei territori costieri. In quest’ambito la Spring School propone, nel mese di maggio, una tre giorni di formazione internazionale, destinata a una platea composita e aperta.

L’obiettivo consiste nel costruire le competenze necessarie per una programmazione della gestione della risorsa marino-costiera, prefigurando la pesca, la gastronomia e il turismo del futuro. Il programma è particolarmente ricco nei contributi tecnici, utili a favorire una crescita economica “blu e sostenibile” in Adriatico. Un processo virtuoso che si basa sulla promozione della collaborazione tra enti pubblici ed enti di ricerca con il mondo imprenditoriale e delle associazioni di categoria e la società civile.

La Spring School inizierà mercoledì 11 Maggio, alle 9:30, con i saluti istituzionali e proseguirà con un focus sullo slow tourism.

I lavori, che hanno come tema la valorizzazione del patrimonio gastronomico e ambientale locale e al contempo il ridimensionamento della pressione antropica, saranno ospitati da UniMol e prevedono, da una parte, l’intervento di accademici provenienti dalle Università del Molise, di Milano Bicocca, del Salento con il rettore Fabio Pollice, Roma “Tor Vergata”, Université d’Angers, dall’altra il contributo delle Istituzioni coinvolte. Gli esperti, oltre a presentare gli ultimi apporti della scienza, porteranno in condivisione le buone pratiche sperimentate ed entrate a patrimonio di una gestione ambientale resiliente.

Nel pomeriggio di giovedì 12 la Puglia, partner istituzionale del progetto Smart Adria, sarà protagonista con i suoi diversi attori (Regione, Consorzi e Associazioni) in una approfondita discussione sull’economia sostenibile insieme al mondo imprenditoriale rappresentato dal territorio ravennate.

Venerdì 13, ultima giornata di formazione, l’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea (APRE) insieme al Settore Progettazione e Sviluppo Ricerca Scientifica di UniMol illustrerà il programma europeo Horizon e, in particolare, le modalità per candidare progetti ammissibili ai finanziamenti.

Si auspica la partecipazione di imprenditori, volontari del terzo settore e ovviamente degli addetti ai lavori. Gli studenti che seguiranno le tre giornate di formazione, superato il test di valutazione finale, riceveranno i crediti formativi.

La registrazione, che è obbligatoria e gratuita, può essere effettuata sul portale UniMol.