Meduse luminose d’inverno. Un campanello d’allarme del clima che cambia

Le meduse luminose sono ben visibili anche di notte grazie alla loro bioluminescenza. E possono essere la maggiore causa di irritazione cutanee per i bagnanti che vengono a contatto con i loro tentacoli. Alcune segnalazione arrivate a Legambiente Arcipelago Toscano hanno confermato la presenza di questa specie di medusa (Pelagia noctiluca) lungo la costa di San Giovanni a Portoferraio, nell’Isola d’Elba. Un caso simile è stato segnalato anche dal Wwf ad Alghero, nella costa nord-occidentale della Sardegna. Secondo gli esperti, questo è un fenomeno anomalo perché la medusa luminosa vive in alto mare nel Mediterraneo nel periodo autunnale e primaverile e non in quello invernale. E la causa che ha favorito la comparsa di questi animali marini è il riscaldamento delle acque, che si trovano in una zona di transizione fra i regimi di circolazione atmosferica delle medie latitudini e della fascia subtropicale. In altre parole siamo in presenza di una tropicalizzazione del Mediterraneo.

Come testimoniano alcuni studi, infatti, il 2018 è stato il quarto anno più caldo registrato sulla Terra, il più caldo in Italia dal 1800 e il terzo in Toscana, superato solo dal 2003 e dal 2014, quando l’anomalia era di +1,1 °C.  Con una temperatura media sulla superficie che nel mondo ha superato  di oltre 1 °C la media del XX secolo.

Le associazioni ambientaliste sostengono che i cambiamenti climatici, l’innalzamento delle temperature, la pesca eccessiva  stanno modificando  la catena alimentare marina: i pesci stanno scomparendo, le tartarughe e i cetacei sono in forte difficoltà. L’inquinamento delle acque del Mediterraneo, inoltre, provoca danni seri alla fauna marina. I dati del Wwf dicono che 134 specie marine sono vittime di ingestione di plastica. In tutte le tartarughe presenti nel Mediterraneo è stata riscontrata la presenza di plastica nello stomaco. Con il caldo, inoltre, le Caretta caretta nidificano sempre più a nord e per due anni consecutivi all’Elba sono nati dei piccoli di tartaruga.

Il clima sta cambiando, la biodiversità è in pericolo e si temono le conseguenze negative  per le attività umane legate alla blue economy e al turismo.