Ferrazzano, il 3 aprile parte il porta a porta. Cosa c’è da sapere

Ferrazzano raccolta differenziata porta a porta

Ferrazzano, come molti comuni del Molise, è prossimo alla partenza della raccolta di rifiuti porta a porta che avrà il suo start il 3 aprile. Da quella data cambieranno molte cose e soprattutto le abitudini dei cittadini che avranno a che fare con mastelli, calendari e un nuovo modo di concepire il rifiuto che non sarà più pensato come materiale di scarto, ma come prodotto base per avviare il suo riciclo o riutilizzo e che quindi richiede un po’ più di attenzione.

L’appalto per la gestione del servizio a Ferrazzano è stato vinto dall’ Ati Giuliani Environment-Molise Global Service.

Si dirà, dunque, addio ai cassonetti stradali per fare spazio in casa propria ai mastelli, dei bidoncini colorati, in cui si andranno a conferire i rifiuti in base alla loro tipologia. Ognuno di essi sarà individuato mediante un tag personalizzato riferito all’utente in modo tale da consentire l’applicazione della tariffa puntuale (cioè in base alla reale produzione di rifiuti).

Gli operatori, sei in tutto divisi in tre squadre di lavoro, passeranno casa per casa a svuotare i mastelli che i cittadini dovranno tirar fuori a seconda della giornata. Lunedì, giovedì e sabato si raccoglierà l’umido organico, il martedì il secco residuo e il vetro e il mercoledì la plastica. I contenitori vanno collocati davanti al proprio numero civico dalle ore 20 della sera precedente alle ore 5 del giorno di raccolta. Gli operatori saranno, inoltre, dotati di un braccialetto, che rileva e localizza il mastello, trasmettendo tali dati ad uno specifico software che monitorerà la situazione generale e dei singoli.

Per tutto ciò che non va nei mastelli il Comune ha provveduto a realizzare un Centro di raccolta Intercomunale, posto in contrada Cese a Ferrazzano, aperto dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12.

Per rendere tutto più comprensibile ai cittadini il comune di Ferrazzano ha realizzato un “ecocalendario” in cui sono schematizzati giorni di raccolta, tipologie di rifiuto e come questi vanno combinati, e una pratica guida, semplice e chiara, dove si spiega come effettuare correttamente la raccolta. Il tutto è reperibile, insieme al regolamento comunale, sul sito dell’ente. Per i cittadini virtuosi sono previsti anche degli incentivi.

Fare la raccolta dei rifiuti porta a porta e farla bene, non risponde solo ad una necessità imposta dalla legge, ma ad un’esigenza di rispetto dell’ambiente che l’ambiente stesso ci chiede a gran voce, soprattutto in prospettiva di consegnare un mondo più sano alle future generazioni.