Riccia, domenica 11 il ritorno in grande stile della Festa dell’Uva

Molte le novità per un evento molto atteso che ogni anno raccoglie visitatori anche da fuori regione

Si è tenuta nei locali dello Spazio Sfuso a Campobasso la conferenza stampa di presentazione della 90esima edizione della Festa dell’Uva che si terrà a Riccia dall’8 al 12 settembre.

Dopo due anni di stop, tradizione contadina, musica e folklore tornano protagonisti con la Festa dell’Uva, un momento di condivisione e di accoglienza da parte della comunità riccese.

Un ritorno in grande stile quello della Festa dell’Uva che dimostra quanto la cittadinanza sia legata a questa manifestazione – ha affermato il sindaco Pietro Testa. Ci saranno tante novità e ci aspettiamo una partecipazione numerosa da parte dei paesi limitrofi e da fuori regione.

A sottolineare l’impegno del comitato nella realizzazione dell’evento la presenza di convegni e di vari eventi musicali. Spazio anche alla promozione del territorio con l’allestimento nella piazza centrale della vetrina dei borghi, uno stand dove verrà distribuito materiale informativo da parte dei borghi che hanno partecipato al Borgo dei Borghi, il concorso del Kilimangiaro che mette a confronto i più bei borghi italiani.

Una delle novità di questa edizione è il gemellaggio con il comune di Macchia d’Isernia, che ogni anno realizza l’evento Macchia di vino, e grazie al quale abbiamo inserito nel programma un convegno che vede proprio il vino protagonista, in programma domani dalle 17.30 – ha sottolineato l’assessore alla cultura del comune di Riccia, Tonino Santoriello.

L’assessore ha risposto anche alle polemiche dei giorni scorsi sul prezzo del ticket d’ingresso per la sfilata: si tratta di un contributo minimo volontario di tre euro che avevamo già introdotto nel 2019 e che si è rende necessario per far fronte ai costi notevoli assorbiti dal comitato. La Festa dell’Uva – ha proseguito Santoriello – rappresenta la fede, la tradizione, il lavoro, il divertimento che ogni singola contrada, ogni singola persona ha nei confronti del visitatore.

Alla realizzazione dell’evento ha contribuito anche, in qualità di media partner, la cooperativa Just Mo’, che aderisce al circuito di Legacoop Molise. Sulla pagina Facebook di Spazio Sfuso è disponibile il programma completo.

Appuntamento per sabato pomeriggio con il trekking dell’uva, un giro itinerante pensato dalla Pro Loco di Riccia, partner della manifestazione, per avvicinare i turisti alla macchina organizzativa della manifestazione. I visitatori potranno infatti assistere alla lavorazione dei carri dell’uva.

L’evento clou della festa, la sfilata dei carri allegorici si terrà domenica pomeriggio a partire dalle ore 15 e sarà preceduta da antichi costumi molisani, sbandieratori, gruppi folk e street band.