Scuola d’Impresa al primo posto in Italia per l’Accreditamento Erasmus+ nel settore dell’istruzione e formazione professionale

CREA LA MAPPA DEI TUOI VIAGGI CON “MY TRAVEL MAP”

Viviamo tempi difficili che intaccano profondamente il nostro stile di vita e i presupposti sui quali abbiamo costruito la nostra società e le relazioni tra le nazioni. Anche il costrutto dell’Unione Europea sta subendo un opinabile ripensamento che oscilla tra la scelta di una maggiore o minore integrazione. Tuttavia, nell’analisi di quello che è stato fatto negli ultimi decenni grazie al processo di integrazione tra gli Stati Europei, non possono non apparire con estrema nitidezza i vantaggi che tale processo ha fatto nascere e le possibilità che si sono dischiuse a favore di tutti i cittadini europei riguardo le libertà e i diritti acquisiti.

È per questo che Scuola d’Impresa Srl e il suo Consorzio di Mobilità hanno sempre promosso e favorito la possibilità di oltrepassare i confini visibili ed invisibili e consentire ai giovani molisani di diventare cittadini europei. Da ormai sette anni, Scuola d’Impresa si occupa di formazione e consulenza aziendale e può contare su una fitta rete di partner nazionali ed internazionali.

Grazie alle attività svolte e alla sua mission aziendale, nel 2016 ha costituto un Consorzio di Mobilità al fine di candidare progetti da finanziare sui fondi europei destinati all’azione Erasmus+ KA1. Tale misura finanzia borse di mobilità per lo svolgimento di tirocini formativi in aziende estere da parte di ragazzi neodiplomati.

Negli ultimi tre anni, grazie al progetto PROMOTE, Scuola d’Impresa e il suo Consorzio di Mobilità (Scuola d’Impresa Srl in qualità organismo capofila, Comune di Campobasso, Comune di Montagano, I.I.S.S. “Leopoldo Pilla”, IPSEOA “Federico di Svevia”, I.S.I.S. “Fermi-Mattei”, Liceo Statale “G. Maria Galanti”, CNA di Campobasso, FMTS Experience S.r.l., Associazione T.H.O.R. ONLUS, Ranallo Grandi Eventi Srl) hanno erogato 100 borse di mobilità per tirocini formativi per altrettanti neodiplomati in scuole molisane e ha ricevuto l’approvazione per altre 100 borse da assegnare al termine della pandemia, con il progetto MOLISE+.

Nella nuova programmazione, tuttavia, l’Unione Europea ha inteso modificare le regole per l’approvazione dei progetti presentati. Si è passati da una modalità di selezione annuale di singole proposte progettuali ad una modalità di selezione più ampia e basata sulla qualità progettuale, sull’esperienza dei Proponenti e dei Consorzi di Mobilità e sulla qualità di un progetto pluriennale per concedere un accreditamento della durata di sette anni. Il compito di valutare le proposte dei Consorzi di Mobilità italiani è stato affidato, come sempre, all’INAPP (Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche – ex ISFOL) che nei giorni scorsi ha pubblicato le graduatorie degli organismi accreditati al progetto Erasmus+ nel settore dell’istruzione e formazione professionale (KA120 – VET) per il prossimo settennio.

Sulle 451 candidature è stato concesso l’accreditamento a 257 organismi, di cui 53 in light procedure e 204 in standard procedure. Le nuove regole hanno imposto all’INAPP di effettuare una valutazione precisa e approfondita, poiché il nuovo accreditamento abbraccia un orizzonte temporale tale da rendere necessaria un’analisi attenta della qualità, della solidità e dell’affidabilità dei Consorzi di Mobilità candidati. Proprio per questo è importante evidenziare come il primo Consorzio di Mobilità classificato in Italia nella graduatoria dei progetti candidati in standard procedure, con un punteggio di 97 su 100, sia stato quello capeggiato da Scuola d’Impresa. Nei prossimi sette anni, dunque, i ragazzi neodiplomati in scuole molisane che vorranno svolgere un tirocinio formativo finanziato dall’Unione Europea presso aziende ubicate in Irlanda, Spagna, Malta e Belgio avranno la possibilità di inviare le loro candidature al Consorzio. L’apertura degli sportelli delle candidature sarà ampiamente pubblicizzata sui canali istituzionali dei partner del Consorzio.

Il Comune di Campobasso esprime la propria soddisfazione per il risultato ottenuto, – ha dichiarato il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina – siamo sicuri che simili modelli di partenariato e cooperazione possano produrre, anche in futuro, esperienze formative di valore per i nostri giovani, contribuendo a costruire metodologicamente un percorso di preparazione professionale sempre più aperto ed inclusivo“.

L’Amministrazione Comunale di Montagano ha appreso con entusiasmo dell’importante traguardo raggiunto. Si tratta di un importante tassello nel percorso di crescita dei nostri territori, attraverso la valorizzazione dei giovani più meritevoli, nella consapevolezza che solo facendo “rete” si possono ottenere grandi risultati“.

Queste le parole del primo cittadino del Comune di Montagano. Sulla stessa onda le dichiarazioni del segretario provinciale CNA Campobasso, dott.ssa Macrina Caruso:

Questa iniziativa rappresenta senz’altro un’ottima opportunità di crescita umana e professionale per i giovani molisani che grazie alle esperienze acquisite potranno contribuire allo sviluppo economico e sociale del nostro territorio“.