Lotta al disagio sociale, il grande lavoro degli Help Center italiani

Quello degli Help Center è un progetto di solidarietà realizzato per affrontare e contrastare i fenomeni di disagio sociale nelle stazioni.

Gli Help Center sono sportelli di ascolto situati all’interno o nelle zone limitrofe delle stazioni ferroviarie che hanno il compito di orientare e aiutare le persone in difficoltà verso i servizi sociali della città, come centri di accoglienza e comunità terapeutiche, al fine di elaborare una soluzione o un percorso adeguato per tutti coloro che ne fanno richiesta. Gli Help Center rappresentano un grande progetto di solidarietà realizzato da Ferrovie dello Stato, in collaborazione con enti del Terzo settore delle varie città, con lo scopo di contrastare i fenomeni di disagio sociale presenti nelle stazioni italiane. Le ultime statistiche, che risalgono al 2018, fanno emergere un dato molto alto di soggetti presi in carico, quindi viene fuori un notevole numero di persone aiutate. Sono stati erogati oltre 90.000 interventi di supporto e orientamento sociale e circa 240.000 interventi di bassa soglia con l’assegnazione di beni di prima necessità. La provenienza prevalente è straniera; circa il 70% sono extracomunitari, mentre il resto sono cittadini appartenenti all’Unione Europea.

I primi due centri vennero istituiti nelle stazioni di Roma Termini e Milano Centrale ai quali si sono aggiunti quelli di Bologna, Chivasso, Torino, Genova Cornigliano, Trieste, Firenze Santa Maria Novella, Pescara Centrale, Napoli Centrale, Foggia, Melfi, Reggio Calabria, Messina, Bari, Catania, Brescia, Rovereto, Pescara, Grosseto e Pisa. È in fase di progettazione la costruzione di altri Help Center anche in altre stazioni d’Italia, proprio per far fronte all’aumento della richiesta d’aiuto.

Gli scali ferroviari, infatti, diventano quasi sempre un rifugio per le persone che vivono ai margini della società e che si trovano in condizioni di povertà. Gli Help Center rappresentano un luogo sicuro per dare risposte ai bisogni di che ne fa richiesta e indirizzare loro verso percorsi di fuoriuscita dal disagio, nei limiti del possibile.