Venafro, il Museo Winterline e Castello Pandone protagonisti del documentario internazionale “Trail of Thunderbirds”

Castello Pandone

Si sono appena concluse 4 settimane di riprese per un documentario attorno a Venafro, dal titolo “Trail of Thunderbirds“, includendo il Museo Nazionale di Castello Pandone, con il coordinamento locale del Museo Winterline di Venafro. Con progetto e regia del Prof Joshua B. Nelson dell’Università dello Stato dell’Oklahoma in collaborazione con il museo della 45esima Divisione “Thunderbirds”, questo documentario ha lo scopo di raccontare le vicende della 45a divisione di fanteria durante la seconda guerra mondiale, dalla Sicilia alla Germania, passando per Venafro e dintorni dove questa unità ha avuto un ruolo fondamentale tra il 1943 e il 1944. Il documentario vuole anche raccontare la peculiarità di questa unità dell’esercito degli Stati Uniti che integrava una significativa rappresentanza degli indiani d’America.

Nei filmati si metteranno in risalto le storie dei vincitori delle medaglie al valore tra gli indiani d’America: Ernest Childers (Muscogee Creek) e Jack Montgomery (Cherokee), attingendo a documenti di famiglia, materiali d’archivio e filmati contemporanei: “Trail of Thunderbirds” suggerisce che l’esempio dato dai soldati indiani d’America di quella generazione, nonostante l’allora recente dissoluzione definitiva delle ultime nazioni di pellirossa, può aiutarci a reimparare i principi fondamentali di riconciliazione e lavorare per una causa comune.

Il regista, accompagnato dall’esperto locale Luciano Bucci del Museo Winterline Venafro, ha potuto ripercorrere i luoghi dove questa unità fu attiva, a Venafro, Pozzilli, Filignano e Viticuso, con l’intento di filmare, e mostrare al mondo intero, la realtà territoriale e sociale nostrana.

La collaborazione della Direzione Regionale Musei Molise, in questo caso con il museo Winterline Venafro, si inserisce nella missione di questo Ufficio periferico del Mi.C., ovvero collaborare con luoghi della cultura non statali in Molise nell’ottica di favorire e sostenere una rete museale regionale.