A Ripalimosani il primo vaccino anti Covid del Molise

Questa mattina il corteo sanitario alla Rsa Cannavina dove sono state consegnate 20 dosi. Concetta e Antonio, ripesi, i primi a ricevere la dose

VACCINO RIPALIMOSANI RIDUna scatola di polistirolo in una Panda dell’Asrem al centro di un corteo sanitario istituzionale luminoso e fiero. Così è arrivato, in pompa magna, il primo vaccino del Molise.

E’ giunto questa mattina alla Rsa “Cannavina” di Ripalimosani.

Gli operatori in attesa
Gli operatori in attesa

Ad attenderlo all’interno della casa 20 anziani, quelli che verranno vaccinati in mattinata. Emozionati gli operatori hanno allestito tutto il necessario per quello che è un vero e proprio evento.

All’esterno un freddo quasi polare, come se anche il clima avesse voluto accogliere nelle migliori condizioni l’attesissimo siero…

C’erano il sindaco Marco Giampaolo, gli amministratori Cristian Cristofaro e Angelo Piano, insieme a tutti i carabinieri della locale stazione.

L'attesa delle istituzioni all'esterno della Rsa
L’attesa delle istituzioni all’esterno della Rsa

E i primi due vaccinati saranno due fratelli di Ripalimosani che portano il cognome della famiglia che donò la struttura alla comunità: Concetta e Antonio Cannavina. Lei 88 anni, lui 91, sono stati sottoposti a rigorosi accorgimenti negli ultimi, pesanti, undici mesi. “E’ stata ed è dura per tutti noi nipoti e parenti – ci raccontano Franco e Maria Concetta – A Natale li abbiamo salutati dal vetro, così come facciamo da tanto tanto tempo ormai. Ma siamo felici che stiano bene e che oggi vivano questo splendido momento di speranza“.

Una speranza per tutti: ora il percorso non è certo più leggero per gli operatori della Rsa, che dovranno seguire regole rigide nel controllo e nel monitoraggio del protocollo sanitario che oggi è stato avviato. “Dopo dei nostri cari nonni – ci dicono dalla porta mentre attendono l’arrivo delle fiale – Probabilmente toccherà a noi. E piano piano forse torneremo a vivere più tranquilli“.

Il sindaco Marco Giampaolo
Il sindaco Marco Giampaolo

Il sindaco Marco Giampaolo non è riuscito a nascondere una certa emozione. “Siamo orgogliosi di essere stati i primi ad aver ricevuto il vaccino –  ha detto – Una scelta dettata, secondo me, dal fatto che quella di Ripalimosani è stata una delle poche RSA a non aver avuto casi di Covid finora. Questo grazie agli operatori della struttura e anche a noi dell’Amministrazione che, insieme, abbiamo fin da subito prestato moltissima attenzione al centro geriatrico. Immediata la fornitura di mascherine, igienizzanti e dispositivi vari. E un’ordinanza di vietato ingresso a chiunque ha limitato i rischi. Compreso il controllo sugli operatori stessi invitandoli a non avere eccessivi rapporti con persone esterne al proprio nucleo familiare al fine di preservare gli ospiti della RSA“.