How To – Documenti necessari per un viaggio in Irlanda

Vuoi fare un viaggio in Irlanda ma sei ancora indeciso sulle tue tappe? Belfast o Dublino? Causeway Coastal Route o le Scogliere di Moher?

Tutti questi luoghi citati si trovano in Irlanda. Ma, come ben sai, l’Irlanda è suddivisa in due parti: Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda.

Oggi, se si vuole fare un viaggio in Irlanda, è importante specificare a quale zona ci stiamo riferendo. Infatti, la Repubblica d’Irlanda è uno Stato a sé stante; l’Irlanda del Nord invece è una delle quattro nazioni che compongono il Regno Unito, insieme a Galles, Scozia, e Inghilterra. Essendo parte del Regno Unito, con la Brexit e l’uscita definitiva dall’Unione Europea del 31 gennaio 2020, anche per l’Irlanda del Nord le regole per viaggiare sono cambiate.

Le due Irlande

L’isola d’Irlanda è un’isola situata ad ovest della Gran Bretagna. Questa terra è stata spesso luogo di scontri politici e culturali, portando alla divisione dell’isola in due territori distinti. Infatti, con il termine Irlanda solitamente si fa riferimento alla Repubblica d’Irlanda, dichiarata indipendente dal Regno Unito nel 1922, con capitale Dublino, dal 1973 membro dell’Unione Europea, e valuta euro.

Irlanda del Nord occupa la parte nordorientale dell’isola ed è appunto parte del Regno Unito. Perciò, insieme a Inghilterra, Scozia e Galles dal 2020 non è più membro dell’Unione Europea. Tra le città più importanti troviamo Belfast, nonché capoluogo, e la valuta è la sterlina britannica.

Quali documenti occorrono?

Se la tua destinazione sarà la Repubblica d’Irlanda, trattandosi di un paese membro dell’Unione Europea, non sarà necessario il passaporto. La carta d’identità valida per l’espatrio è perciò sufficiente. Fai attenzione però che l’Irlanda è sì membro dell’UE, ma non è parte dell’Accordo di Schengen.

L’Accordo di Schengen è un accordo firmato nel 1985 da Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi, seguito poi dalla Convenzione di attuazione, entrata in vigore nel 1995.

Con il termine Spazio Schengen, si fa riferimento al territorio in cui è garantita la libera circolazione delle persone. Ciò significa l’abolizione di tutte le frontiere interne e la creazione di un’unica frontiera esterna regolata da accordi e procedure comuni per tutto ciò che riguarda politiche di rilascio di visti, soggiorni brevi, richiesta di asilo. L’area Schengen comprende 26 paesi: 22 paesi UE e quattro paesi extra-UE, ovvero Norvegia, Islanda, Svizzera e Liechtenstein.

Quindi, cosa significa non far parte dello Spazio Schengen? Per te come viaggiatore significa che è necessario mostrare i propri documenti all’ingresso del paese. Non c’è quindi movimento totalmente libero.

L’Irlanda del Nord, invece, essendo parte del Regno Unito, è stata coinvolta anch’essa nella Brexit. Uscire dall’Unione Europea ne ha implicato nuove regole e requisiti anche dal punto di vista di spostamento delle persone, per motivi turistici, di lavoro o di studio.

Se la tua destinazione sarà la Repubblica d’Irlanda, essendo un paese membro dell’Unione Europea, avrai bisogno solamente della carta di identità o del passaporto. Fai attenzione però che come anticipato poco fa, questo Paese non fa parte dei Paesi Schengen, e quindi, una volta arrivati sarà necessario mostrare i propri documenti alla polizia di frontiera.

Requisiti differenti invece per l’Irlanda del Nord. In questo caso, infatti, come per gli altri paesi del Regno Unito, sarà fondamentale mostrare il proprio passaporto in corso di validità.

Ecco, quindi, le informazioni necessarie che ti occorrono prima di pianificare il tuo viaggio in Irlanda, per visitare i suoi paesaggi straordinari e mozzafiato, o le sue città incantevoli, da Dublino a Belfast, Galway o Cork.

Tuttavia, nel sito ufficiale del governo del Regno Unito troverai maggiori informazioni riguardo il tuo viaggio in Irlanda del Nord, che si tratti di un viaggio turistico, di lavoro o di studio.

Se invece hai deciso di recarti nella Repubblica d’Irlanda, allora troverai maggiori informazioni nel sito ufficiale del governo irlandese.

a cura di Chiara Sternardi di Passport-Photo.online