Equitazione. Flaminia, Emanuele e Flavio alle Ponyadi di Arezzo per il Molise

La competizione nazionale della FISE raccoglie ogni anno giovani da tutta Italia in sella ai loro pony

Il Molise dell’equitazione in partenza per l’Arezzo Equestrian Centre, dove da domani, 31 agosto fino al 3 settembre si terranno le Ponyadi 2022, organizzate dalla Federazione Italiana Sport Equestri (FISE) e dedicate agli atleti più giovani, di età compresa tra i 5 e i 13 anni, in sella ai loro pony.

Manifestazione federale di notevole portata, le Ponyadi raccolgono ogni anno partecipanti da tutta Italia, ma anche tanto pubblico che si sposta numeroso cogliendo anche l’occasione per visitare il territorio e trascorrere una vacanza diversa. La grande festa per i giovani che amano il cavallo porterà in Toscana un mare di gente: le strutture dell’Arezzo Equestrian Centre da oggi accoglieranno oltre un migliaio di persone solo per quanto riguarda le scuole e i singoli atleti, che si collocheranno in parte nelle strutture destinate all’accoglienza e in parte nell’area camper destinata.

Quest’anno sono tante le specialità in concorso che riempiranno le arene di Arezzo: Gimkana 2; Gimkana Jump 40; Gimkana Cross; Pony Games; Carosello; Presentazione; Piccolo Gran Premio; Run & Ride; Salto Ostacoli; Concorso Completo; Country Jumping; Dressage; Volteggio; Endurance; Horseball; Attacchi; Polo; Reining; Paraendurance; Attacchi Integrati, Paradressage e Parareining. Novità di questa edizione il Premio Cavaliere Atleta.

Il Molise parteciperà nella disciplina di Salto Ostacoli con due cavalieri e un’amazzone: Flavio De Bellonia per la Scuderia del Sole di Isernia, Emanuele Ponticelli e Flaminia Ruscitto per Ippoform Campobasso Equitazione.

Flavio de BelloniaFlavio de Bellonia ha 10 anni, monta da poco più di un anno, ama la sana competizione ed è amante di tutti gli animali. E’ in binomio con Juweeltje, per gli amici Giuly, che ha 17 anni e nonostante l’età è molto vispa ma allo stesso dolcissima e che ha un debole: mangerebbe biscotti ad ogni ora.

Emanuele Ponticelli

Emanuele Ponticelli, 10 anni da compiere, va ad Arezzo con Oscar, pony castrone con mantello sauro. Monta dal 2019 ed è un esordiente in manifestazioni di interesse nazionale. Tasso di emozione oggi per lui? Mille.

 

Flaminia RuscittoFlaminia Ruscitto,  11 anni, nel 2022 ha conseguito il brevetto attraverso le qualifiche, categorie LB80 di salto e le categorie E60 ed E80 di dressage. Alle Ponyadi va con Zorro, pony castrone con mantello grigio e suo fedele compagno in questa importante avventura.

Considerate un appuntamento imperdibile per tanti giovanissimi appassionati di equitazione, le Ponyadi riescono a mettere insieme l’attività sportiva equestre di base e l’aspetto ludico che per i bambini è molto importante ed insostituibile. Gli atleti, che provengono dalle varie scuole di equitazione d’Italia, non devono avere più di 13 anni per regolamento, un’età massima legata alle caratteristiche di questi cavalli.

Quando parliamo di pony infatti ci riferiamo a cavalli di taglia non superiore ad un 148.9 cm al garrese (sul punto più alto del dorso) senza ferri, ed a cm 149.9 con i ferri . E non bisogna confondere un pony adulto con un cavallo ancora giovane, cioè un puledro in fase di crescita. Cavallo e pony sono due cose differenti: mentre il puledro è troppo giovane per essere cavalcato, il pony si può cavalcare. Inoltre è proprio diversa la conformazione fisica: il pony ha le zampe più corte e l’intera figura del giovane cavallo è più slanciata.

I pony possono essere di diverse razze e di diverse tipologie per dimensioni: piccola, media o grossa taglia (rispettivamente inferiori a 130 cm, 140 cm ,148 cm). Considerati molto intelligenti e reattivi, sono animali longevi e robusti. Una curiosità: può nascere un pony anche da razze non propriamente pony; se il cavallo rimane piccolo di statura (sempre sotto 1.48 senza ferri) può essere classificato come pony.

Le Ponyadi 2022 sono dunque al via. La FISE, come di consueto, ha realizzato una sezione dedicata all’evento di interesse federale, dove è possibile trovare il programma e tutte le altre informazioni. In bocca al lupo agli atleti molisani, che per non farsi mancare nulla hanno portato ad Arezzo anche due mascotte a quattro zampe: Gandalf e Bilbo.

g e b